Limitless, recensione di Biagio Giordano

Limitless, di Neil Burger, con Bradley Cooper, Abble Cornish, Robert De Niro, produzione Usa, anno 2011, genere fantastico, durata 105 minuti.
Stati Uniti. Eddie Morra, scrittore italo-americano che lavora per una piccola casa editrice, ha grosse difficoltà a terminare un libro commissionatogli dalla stessa casa editrice per cui lavora.
L'uomo è affetto da una depressione da fallimento di uno stato simbolico, causata dall'abbandono della sua ragazza che lo giudicava un perdente. Ex tossico, separato dalla moglie, la sua vita è tormentata da un'altra moglie quella del suo proprietario d'alloggio, la donna ad ogni mancato pagamento dell'affitto approfitta per andarlo a trovare e inscenare contro di lui un rituale accusatorio che lo pone anche eticamente agli ultimi posti nella scala gerarchica della società liberale in cui vivono.
Un giorno, casualmente, Eddie incontra il suo ex cognato, che, visto il suo stato, gli suggerisce dopo una banale conversazione, di sperimentare su se stesso u...

Leggi tutto l'articolo