Lipari&Ospedale in agonia con ossigeno

di Caterina Conti* Considerato che a seguito dell’incontro tenutosi a Palermo il 31.03.2010, presso l’Assessorato Regionale alla Sanità,  nel corso del quale si è avuta la disponibilità da parte della Commissione Sanità e dell’Assessore Regionale, Dott.
Russo a modificare il decreto di rimodulazione della rete ospedaliera; considerato che tale modifica consiste nell’istituzione di due aree di degenza (Medica, comprendente Medicina, Pediatria, Cardiologia e Nefrologia e Chirurgica, comprendente Chirurgia, Ostetricia/Ginecologia e Ortopedia); considerato che, per motivi igienico-sanitari e di sicurezza psico-fisica dei pazienti, le unità operative identificate nel decreto debbono mantenere una propria autonomia negli spazi di degenza; considerate le peculiarità e le specificità delle isole minori in generale e dell’arcipelago eoliano (formato da ben sette isole) in particolare; considerato che il presidio ospedaliero di Lipari esiste sin dal 1600 e che nel 2002 ne è stato finanziato l’ampliamento e la ristrutturazione (tuttora in corso) per circa € 5 milioni; considerato che la comunità eoliana si è sviluppata anche in funzione della presenza stabile sul territorio di detto presidio ospedaliero; considerato che la popolazione delle Isole Eolie, per periodi di 6-7 mesi l’anno, arriva anche a quadruplicarsi; ascoltata la volontà dell’Assessore Regionale alla Salute, On.
Massimo Russo, di adottare un modello sperimentale per le isole minori; preso atto della disponibilità del Direttore Generale dell’ASP n.
5, Dott.
Salvatore Giuffrida, di adottare detto modello sperimentale-organizzativo per le isole minori; considerato che tale modello, una volta a regime, potrà costituire la base di partenza per la realizzazione di un piano sanitario specifico per le isole minori; vista la recente elencazione da parte del Ministero della Salute che nel prevedere dei distinguo per le isole minori, offre la possibilità di individuare modelli di strutture e di servizi costruiti su specifiche esigenze, superando pertanto alcune rigidità organizzative e normative; accertata, pertanto, l’inapplicabilità dell’articolo n.
2 del Decreto Assessoriale 0750/10 del 12.03.2010, con riferimento ai criteri dei LEA e degli indicatori di efficacia, di efficienza e di appropriatezza ed economicità delle prestazioni erogate; visto quanto previsto dalla carta di EACH (European Association for Children in Hospital) elaborata già nel 1993 a tutela del benessere del bambino in ospedale; CHIEDE che l’area “Medica” [...]

Leggi tutto l'articolo