Lipari, cane "azzannato" da 5 randagi. Salvato grazie ad un delicato intervento della veterinaria Laura Gulotta. Ma è allarme rosso...

Lipari - Nella maggiore isola delle Eolie è sempre piu' allarme "cani randagi".
Un cane da caccia è stato "assalito" in località San Salvatore da un branco composto da 5 cani ed è stato ridotto in fin di vita.
Alla drammatica scena ha assistitito il proprietario Pippo Tesoriero che era con un amico.
E pur di liberare il suo "fedele amico", ha rischiato grosso.
L'animale è stato' salvato dalla veterinaria Laura Gulotta, ma ci sono voluti ben 47 punti.
L'intervento, delicatissimo, è durato quasi tre ore.
Un altro grave episodio si è verificato nella stessa località e ha riguardato una anziana villeggiante.
Era uscita da casa per far fare un giro al suo piccolo cane, ed è stata "assalita" dai randagi.
La donna è anche finita a terra.
Il suo piccolo animale è stato salvato dal coraggio della donna che è riuscita - tra non poche diffiocltà - a far allontanare i randagi.
A Lipari - in ogni caso - è allarme rosso.
La questione-randagi si trascina da anni, ma fino ad ora una soluzione non è stata individuata.
Eppure "l'assalto" dei randagi riguarda tutte le borgate: da Quattropani a Pianoconte, da Monte ad Acquacalda.
Gli "assalti" ai pollai sono stati infiniti.
Il problema si pone anche nel "cuore" di Lipari, nell'area portuale di Sottomonastero.
I cittadini invocano interventi per stare piu' tranquilli e soprattutto per non creare ulteriodi disagi ai turisti.
 

Leggi tutto l'articolo