Lipari, sulla questione "Patrimonio dell'Umanità" sollecitato un consiglio

Nel settembre 2008 i consiglieri della minoranza, primo firmatario Pietro Lo Cascio, hanno depositato una richiesta di autoconvocazione del Consiglio Comunale per affrontare tematiche legate al Piano di Gestione del Sito Unesco Isole Eolie, che era stato “approvato” dall’amministrazione nella sua versione revisionata con delibera di giunta, e in generale agli aspetti – anche programmatici – inerenti il nostro status di Patrimonio dell’Umanità.
Sembra incredibile, ma è passato quasi un anno da quando Lei ha inserito tale argomento nell’elenco di quelli da affrontare in Consiglio, preferendo questa soluzione piuttosto che quella di un’assise specificamente dedicata a un tema di cruciale importanza per la nostra comunità, e di Unesco in Consiglio non si è parlato.
Eppure non sono pochi gli argomenti strettamente connessi a questo tema: il Piano di Gestione prevede azioni e iniziative volte alla valorizzazione delle nostre isole, contiene indicazioni per trasformare il riconoscimento in opportunità – preziose – di sviluppo; restano poi da discutere il futuro delle ex-cave di pomice, porzione del nostro territorio che necessita di una riconversione, quello dell’Area Marina Protetta, la cui istituzione è attesa da anni ma sulla quale ad oggi non ci è dato sapere, quello del Parco Nazionale, istituito con la finanziaria del 2008; tutti aspetti che rientrano nella sfera della gestione del nostro Sito Unesco Isole Eolie, sui quali il Consiglio Comunale deve potersi confrontare e deve poter acquisire informazioni adeguate.
Le dichiarazioni rilasciate dal Ministro Prestigiacomo al suo arrivo a Lipari pochi giorni fa, che ha ribadito l’importanza del riconoscimento Unesco alle Eolie e la necessità del suo mantenimento, nonché altre dichiarazioni pubblicate dalla stampa, hanno riproposto l’attualità del tema.
Peraltro, la presenza del Ministro – sempre così attento ai problemi del nostro Comune e in grande sintonia, a parte alcune diverse opinioni sul ruolo dell’Unesco, con il capo dell’amministrazione – costituisce una opportunità assolutamente imperdibile.
Per tali ragioni Le chiediamo di anticipare il punto inserito nella lista degli argomenti da trattare delle sedute ordinarie, o addirittura, e sarebbe preferibile, di indire un apposito consiglio, stante l’importanza indiscutibile del tema, facendosi promotore di un invito a partecipare ai lavori consiliari da rivolgere al Ministro Prestigiacomo, quale autorevole interlocutore in una materia di così ampio respiro.
I consiglieri [...]

Leggi tutto l'articolo