Live GP Malesia

Quando una Federazione impone orari da circo, i rischi sono dietro l'angolo.
Tutti i piloti a lanciare moniti sui pericoli di correre in condizioni di visibilità insufficienti, il problema della pioggia che aumenta esponenzialmente questi pericoli: lettera morta, sono lì per correre e basta.
Il Gran Premio della Malesia è un evento gravemente alterato da fattori che con la Formula Uno non c'entrano nulla.
La bella battaglia tra vetture diverse per soluzioni, i sorpassi, le strategie: tutto vanificato da un orario di partenza assurdo.
L'idea poi di fare partire nuovamente dopo la bandiera rossa, per ottenere il punteggio pieno (viene assegnato quando la distanza di gara è coperta almeno per i tre quarti del totale, ndr) è un elemento di rischio inutile che in molti piloti gradirebbero evitare.
Infatti, gara conclusa con bandiera rossa e punteggio dimezzato (5, 4, 3, 2.5, 2, 1.5, 1, 0.5) La gara era iniziata con asfalto asciutto, tutti al via montavano gomme morbide e l'avvio vedeva un grande Alonso balzare di 5 posizioni in avanti, sfruttando il KERS.
Bene anche lo scatto di Raikkonen, ma chi aveva la meglio era Rosberg che bruciava al via Trulli e Button e si installava al primo posto, gestendo per molti giri la gara.
Nelle retrovie, Alonso - complice il gran carico di benzina - faceva da tappo a Webber, Raikkonen, Glock e sul passo gara giravano 2 secondi più lentamente rispetto ai primi tre.
Il tutto si susseguiva fino ai primi stop, come da previsione era Vettel a fare la prima sosta dopo 13 giri.
Il diluvio era dietro l'angolo e la Ferrari (ancora gara incolore e priva di acuti) tentava l'azzardo con Raikkonen montando le gomme da bagnato estremo quando ancora la pista era asciutta, in attesa della pioggia.
Puntualmente arrivata tre giri dopo, oramai tardi per consentire una rimonta di Raikkonen che  aveva accumulato 20 secondi di ritardo al giro per i tre effettuati con asfalto ancora asciutto.
Risultato, tutti i piloti rientrano ai box, cambiano gomme e fanno la scelta giusta i piloti che montano le gomme intermedie.
Glock infatti recupera 11 secondi al giro ai primi e si installa al secondo posto, bene anche Heidfeld che con una sola sosta, complice il gran pieno di benzina, recuperava fino al terzo posto.
a 24 giri dal termine la gara veniva sospesa dopo che mezza griglia era uscita di pista a causa della tempesta che si scatenava sul circuito.
50 minuti di attesa, del nulla, per avere la notizia che non si sarebbe ripartiti, con grande gioia dei tifosi che aspettavano sotto l'acqua per un'ora.
Fabiano [...]

Leggi tutto l'articolo