Livorno: Cooperazione con la Tumisia

Nell’ambito delle iniziative del “Tavolo della cooperazione decentrata con la Tunisia”, la Provincia ha organizzato un workshop sul tema “Gli strumenti finanziari della cooperazione italo-tunisina.
Le opportunità di investimento per le imprese e lo sviluppo locale”.
L’iniziativa, in programma  martedi 18 maggio alle 10, a Palazzo Granducale, è promossa in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri, l’ambasciata tunisina, Assafrica&Mediterraneo di Confindustria e l’Agenzia tunisina di promozione degli investimenti esteri (FIPA).
I lavori saranno aperti dai saluti del presidente della Provincia, Giorgio Kutufà e dell’ambasciatore tunisino, Habib Achour.
Ad introdurre i temi del seminario saranno l’assessore provinciale allo sviluppo economico, Piero Nocchi e il presidente della Camera di commercio, Roberto Nardi.
Il workshop è rivolto alle imprese locali, alle associazioni imprenditoriali, alle agenzie di sviluppo, agli istituti di credito, ai poli tecnologici e a tutti gli attori economici del territorio.
L’obiettivo è quello di illustrare le opportunità di investimento e di sviluppo che le imprese del nostro territorio possono trarre dagli accordi bilaterali promossi dal Ministero italiano degli Affari Esteri e dal Governo tunisino, messi in atto attraverso il Tavolo-Tunisia della cooperazione decentrata.
Nel workshop si parlerà, in particolare, della linea di credito agevolato attivata dal Ministero A.E.
a favore delle PMI tunisine, per sostenere l’acquisto presso fornitori italiani di attrezzature nuove e dei servizi connessi per i settori dell’agricoltura, industria, pesca e servizi.
Inoltre, sarà illustrata la strategia “Orizzonte 2016”, messa in campo dal Governo tunisino per promuovere lo sviluppo economico e sociale del paese, nella quale si richiede esplicitamente il trasferimento di tecnologie avanzate innovative e si prevede la collaborazione con le imprese europee, in particolare italiane, attraverso l’offerta di vantaggiose opportunità di investimento e facilitazioni burocratiche e fiscali.
I settori strategici di interesse sono l’agroalimentare; il tessile e l’abbigliamento; la meccanica, l’elettromeccanica ed elettronica; le tecnologie dell’informazione e comunicazione.
Altri settori d’intervento riguarderanno le costruzioni.
le biotecnologie, le energie rinnovabili, la componentistica auto ed aeronautica, la formazione.
Il workshop ha lo scopo di attivare sinergie con gli attori istituzionali pubblici ed i rappresentanti delle imprese locali, per [...]

Leggi tutto l'articolo