Lo Stargate di Dan Burisch, una tecnologia extraterrestre?

In due ore di intervista sul Project Camelot, Dan Burisch parla della tecnologia degli Stargate, sia quelli naturali che artificiali, e come siano stati utilizzati da extraterrestri e da vari enti governativi per inviare e reperire informazioni sui viaggi nel tempo.
Kip Thorne
Lo Stargate ‘A’ è simile ad un ponte o ‘wormhole’ teorizzato da Einstein-Rosen, attraverso il quale lo spazio-tempo viene distorto da intensi campi gravitazionali provocato dal collasso di alcune stelle.
Il crollo e la compressione della stella avviene fino al punto di formare un punto di singolarità in cui il tempo rallenta rispetto agli osservatori esterni.
Si è ritenuto che non vi siano punti di singolarità al centro dei buchi neri, e ci potrebbero essere altri luoghi dove lo spazio-tempo verrebbe notevolmente distorto da un intenso campo gravitazionale. In un punto di singolarità, il tempo si ferma in modo efficace fino ad espandersi all’infinito, come previsto dalla teoria della relatività generale. In q...

Leggi tutto l'articolo