Lo psicologo Goleman, la Meditazione Trascendentale e le ricerche sull’aumento dell’indipendenza dal campo e l’intelligenza.

 Daniel Goleman, ha recentemente  pubblicato  un   nuovo libro dal titolo : “perche’ fare attenzione ci rende migliori e più felici”.Il libro , pubblicato da Rizzoli,  è stato recentemente  presentato, dallo stesso autore,   giovedì 31 ottobre al Festival della Scienza di Genova.
Il famoso psicologo americano docente alla Harvard University, e collaboratore scientifico del New York Time, oltre che autore di numerosissimi libri di successo, tra i quali,  vale la pena ricordare intelligenze emotiva, intelligenza ecologica  e moltissimi altri  ha presentato il suo nuovo libro, che sarà di sicuro un best- seller.Personalmente sono un grande appassionato lettore di Goleman, in quanto lo stesso nei suoi  libri ha trattato temi che vanno dallo sviluppo delle intelligenza emotiva.
E' stato il  primo psicologo  a parlare di questa particolare forma di intelligenza, in quanto  prima di lui nessuno aveva mai pensato a questa particolare forma di intelligenza.
Uno dei sui ultimi libri intelligenza ecologica, tratta  del problema , molto attuale, dell’ambiente e di come ci comportiamo nei confronti  di esso.Goleman enfatizza la pratica meditativa come forma di sviluppo personale e come modo di allenare il cervello ed i circuiti cerebrali.Inoltre, In questo ultimo libro scrive molto dell' attenzione,  su come svilupparla.
  Goleman pone l’enfasi sulla necessità di aumentare la capacità di attenzione e  la capacità di concentrazione  soprattutto  nei bambini, e delle necessità di aumentare una altra capacità citata dal famoso Psicologo che è  :  “l’indipendenza di campo” , termine molto spesso usato ma che vale la pena di approfondire  Il concetto di dipendenza -  indipendenza dal campo nella ricerche di WITKIN e e coll.Il concetto di dipendenza – indipendenza da campo venne inizialmente introdotto da Witkin e coll.
Questi autori differenziano due stili cognitivi, cioè quello  di una persona indipendente dal campo che è una persona che nutre fiducia negli orientamenti provenienti dall’interno di se’ stesso, seleziona maggiormente le informazioni ambientali , possiede ciò uno stile cognitivo più globale ed articolato e quello di una persona dipendente dal campo la quale al contrario è facilmente influenzabile dall’esterno e incorpora le informazioni in maniera selettiva.La prova iniziale per determinare se un soggetto ricorreva a dei suggerimenti esterni od interni per valutare determinate variazioni ambientati consisteva nel fare sedere il soggetto su di una poltrona [...]

Leggi tutto l'articolo