Locke

Bel film, di quelli che ti mettono in pace con il business.
Certo, resta la nota amara del doppiaggio ma ormai è come lamentarsi del traffico e degli imbecilli, non se ne esce.
Il tizio nel suo viaggio verso la sua meta riesce a trasfigurare l'abitacolo di quel cesso di bmw X5 da semplice location cinematografica a un percorso di vita che, come tale, fa prendere decisioni, offre dinieghi, tenta di razionalizzare ma soccombe alle emozioni.
Alta scuola con 2 lire, da vedere.

Leggi tutto l'articolo