Loggetta bella

Loggetta bella Premiata con diploma al concorso poetico Loggetta contornata da li fiori, De quelli più sciccosi de giardino; Tu rippresenti er nido de l'amori Perchè possiedi un angelo divino.
Fiore de more, 'St'angelo bello pieno de sprennore E' Nina mia che m'ha rubato er core! Quanno che a la mattina spunta er sole E in celo s'aritira qualsia stella, Ne comparisce un'antra assai più bella Tramezzo a que' li vasi de viole.
Fioretto caro, Er giorno s'incomincia a fa più chiaro Perchè apparisce quer visetto raro! Quanno s'affacia lei tra li fioretti, Tu, loggia bella, pari un'artarino! Lei 'na, madonna; un viso da bacetti, Che me fa spasima 'gni momentino Fior de gaggia, Io t'amo loggia piena de maggia Perchè vola da te l'anima mia! Antonio Camilli Tratto da: Poesie Romanesche, Roma, Tipografia Industria e Lavoro, 1906, pag.
23

Leggi tutto l'articolo