Loredana Cannata si mette a nudo tra cinema, teatro e tv

Sfilerà sulla croisette di Cannes in occasione della presentazione di "Youth", il nuovo film di Paolo Sorrentino.
In tv, invece, sarà nella nuova serie diretta da Michele Soavi in uscita in autunno e nella serie "Romanzo siciliano" diretta da Lucio Pellegrini che andrà in onda su Canale5.
Loredana Cannata a Tgcom24 racconta: “A teatro sarò Marilyn Monroe”.
E per quello in cui crede è disposta a...
mettersi a nudo.
Loredana, sei un'artista eclettica: cinema, teatro, tv...
In quale ruolo ti preferisci? Quello che preferisco è un bel ruolo, ben scritto e ben diretto, a prescindere dal mezzo.
Subisco ancora molto il fascino del cinema, ma le molte, strepitose serie tv americane mi hanno fatto rivalutare le potenzialità della televisione, che anche da noi sta creando cose interessanti! Amo il teatro solo quando sono sul palco e dopo lo spettacolo, prima vivo un’ansia che mi leva fame e sonno.
Negli ultimi mesi ho avuto bellissimi ruoli in tutti e tre i settori, ma a teatro, con un monologo da me scritto e diretto, sono stata io a darmi il ruolo per me più bello: Marilyn! E della tua interpretazione nel film di Sorrentino cosa racconti? L’unica cosa che posso dire del mio ruolo nel nuovo film di Sorrentino, “Youth”, è che interpreto la moglie di un personaggio ospite dell’hotel.
In autunno ti vedremo in "Romanzo Siciliano".
Raccontaci il tuo personaggio...
In “Romanzo Siciliano”, di Lucio Pellegrini, interpreto Viviana Costa, una donna misteriosa, passionale e spregiudicata che, forse per dolore o per amore, sta dalla parte del male ed è visceralmente innamorata del suo uomo, interpretato da Ninni Bruschetta, come una Bonnie del suo Clyde.
La cicatrice che le taglia il volto ci fa capire che la violenza, oltre che al suo presente, appartiene anche al suo passato.
Da sempre sei una delle donne più sexy della tv...
Il segreto del tuo sex appeal? Credo che il segreto del mio sex appeal stia nei gatti e nella libertà.
Ho imparato dai felini la grande lezione della sensualità nei movimenti, che nasce da una sorta di eleganza e mistero dell’anima, e sono sempre stata libera dai tabù che imprigionano la nostra sfera sessuale.
Ho sempre avuto, istintivamente, un rapporto naturale e non moralistico nei confronti del sesso, cosa fondamentale per un sano equilibrio psico-fisico, e ho sempre trovato assurdo che ai bambini non si possa spiegare cos’è l’amore mentre si ritiene normale mettere loro in mano una pistola giocattolo.
Vegana e animalista convinta, ricordiamo uno show nuda in gabbia contro la [...]

Leggi tutto l'articolo