Lorenz in “Colori di Sicilia”

Ieri, 6 dicembre, presso la Galleria “Il Tempio” di Palermo, la pittrice Lorenza Laudicina, in arte Lorenz, ha inaugurato la mostra dei suoi quadri, la cui nuova produzione ha titolato “Colori di Sicilia”.
Le esposizioni della Lorenz hanno avuto inizio sin dal 1969 e le sue opere sono custodite in collezioni private, enti pubblici tra cui le Biblioteche comunali di Enna, di Altavilla Milicia (PA), di Capo d’Orlando (ME), il Metropolitan Art Gallery di Lecce, le Province di Palermo e di Enna.
E’ inserita nelle pubblicazioni d’arte, quali Avanguardie Artistiche, Boè Arte e Catalogo d’arte moderna Mondatori.
La mostra chiuderà il 15 dicembre 2009.
                     Nel presentare le sue opere, la Prof.ssa Anna Francesca Biondolillo, tra l’altro, ha asserito: “ …con assiduo impegno ed amore per la pittura, (Lorenz) è riuscita ad imporre un proprio stile in ambito figurativo …La contemplazione della bellezza del creato, interpretata attraverso un caldo cromatismo che richiama i colori di una Sicilia solare conduce al sentimento umano, scaturito da una visione quasi religiosa della natura….Nella sua produzione pittorica appare quasi sempre il mare con tutti i suoi scenari (albe, tramonti, transiti di ardite vele) che risentono il lirico trasporto dove aleggia sovrano il messaggio della pittrice” Il critico d’arte Giuseppe Mendola, dopo avere parlato dello stile e della produzione dell’artista, a conclusione del suo intervento, ha dichiarato “….dà alle sue opere pittoriche segnali di spiccato impegno nei problemi sociali, presentando qui una donna col Burka, particolare costume orientale, e accompagna l’opera con un suo scritto sintetico quanto pregnante a stigmatizzare le strettoie sociali che diventano violenze sulle donna.
…(l’opera) ha punti luce negli occhi della donna quale forte richiamo nel contesto dei colori con tanto di storia nei costumi…”     con Stefano Lo Cicero A conclusione della cerimonia, il poliedrico artista Stefano Lo Cicero, nel definire l’arte della Lorenz una sintesi “tra realtà e fantastico”, ha affermato, tra le altre attestazioni indirizzate alla sua collega in arte,  “… perviene ad un assunto emozionale di sintesi e di concetto, che la sua visione scandisce in ritmi nodali e sostenibili, di approdi impervi e determinanti dove una luce che brilla all’unisono si veste d’opale nel baluginante fermento d’insieme; dove la  pittrice Lorenz s’identifica con una forma compiutamente evocativa di suggestioni che ruotano [...]

Leggi tutto l'articolo