Lost in Translation

Parliamo un po' di traduzioni, oggi, e prendiamola da lontano.
Stevenson.
Vi ho già raccontato (forse anche più di una volta, ma abbiate pazienza) del punto di Kidnapped in cui, dopo la battaglia nel castello di poppa del Covenanter, Alan abbraccia David e gli chiede: "Am I no a bonnie fighter?" Ecco, quel "bonnie"...
Bonnie (o anche bonny) è un aggettivo molto scozzese che significa "bello, grazioso, carino, attraente, vivace, adorabile" ma anche "amato, beneamato, prediletto", talvolta persino "pasciuto ed allegro", ed è usato spesso come vezzeggiativo.
Per capirci, la figlia di Rossella O'Hara e Rhett Butler, quella che nella versione italiana di Via col Vento ha nome Diletta, si chiama in realtà Bonnie - e non è un caso che il nome salti fuori da un'osservazione di Melania (che di cognome fa Hamilton, molto scozzese), secondo la quale la bambina ha gli occhi azzurri "come la nostra diletta bandiera" (Our bonny flag).
Per tornare in Scozia, il principe Charles Edward Stewart, il Re in Esilio di Alan, era chiamato popolarmente e affettuosamente Bonnie Prince Charlie: il bel principe Charlie, o il caro principe Charlie, o ancor più probabilmente una commistione delle due cose.
My Bonnie lies over the ocean, canzone popolare scozzese, forse fa riferimento a lui, forse no, ma il senso è di nuovo quello: chiunque sia che se ne sta oltre l'oceano, è qualcuno di amato e caro. In Old Mortality di Walter Scott c'è una nonna che chiama la nipotina "Margaret, my bonny bird", cioè "Margaret, uccellino caro." Nello stesso romanzo incontriamo John Graham, visconte di Dundee, eroe della Prima Sollevazione Giacobita (qui c'entra il babbo di BPC) e bell'uomo, popolarmente conosciuto come Bonnie Dundee.
Fuori di Scozia lo ritroviamo in Shakespeare ("Be you blythe and bonnie" in Molto Rumor per Nulla, nel senso di gaio) e in Charlotte Bronte (in Shirley, Caroline Helstone, parlando con sé stessa, chiama suo cugino "Bonny Robert".
Robert è bello, e Caroline è segretamente innamorata di lui: fate i vostri conti).
Penso di avere reso l'idea, e di avere indotto la formulazione della seguente domanda: che ci fa un aggettivo simile applicato all'abilità di un duellatore? Ecco, il fatto è che nell'Inglese di Stevenson, che è uno Scozzese inglesizzato, la faccenda ha perfettamente senso: rende fino in fondo l'idea della spudorata, ingenua delizia che Alan prova nei confronti delle proprie capacità di spadaccino.
Capacità altamente letali, come David ha appena avuto modo di notare. C'è tutto Alan, lì: una battuta di [...]

Leggi tutto l'articolo