Lucca Comics 2008

Come promesso qualche giorno fa, quando ho caricato la preview "camelottiana", ecco il post vero e proprio sulla mostra di Lucca Comics 2008, svoltasi quest'anno dal 30/10 al 2/11.
Già da un paio d'anni la fiera è stata spostata dalla zona del palazzetto dello sport al centro vero e proprio della città e i vari stand si snodano tra le viuzze della città, permettendo di affiancare la visita da appassionato di fumetti a quella di turista.
Quando nel 2006 fu deciso questo "trasloco" ricordo che pensai che non mi sarebbe piaciuta affatto questa nuova versione della fiera, e invece una volta sperimentata ho cambiato decisamente idea; sarà forse perchè nel contempo è scoppiata la mia mania per lo shopping (e in questo modo posso quindi spulciare i bei negozietti lucchesi) e si è di contro ridotta la passione da otaku...
boh, fattostà che la preferisco di gran lunga alla vecchia versione.
Ma dopo questa doverosa premessa, passiamo al resoconto della mostra di quest'anno...
Purtroppo stavolta il tempo non è stato clemente.
Dopo due edizioni all'insegna del bel tempo (forse freddino ma comunque sereno), abbiamo avuto un vero e proprio diluvio universale nei primi due giorni...
(s)fortunatamente io dovevo lavorare quindi non ci sono potuta andare, ma in realtà avevo già deciso che sarei stata presente solo un giorno, per vari motivi.
In primis la poca voglia che avevo a 'sto giro, in secondo luogo la maggior parte dei miei amici più lontani sarebbe scesa solo il sabato, in terzo luogo non avevo un/una compagno/a di shopping quindi non ci sarebbe stato divertimento a tornare anche il giorno seguente per spulciare i negozietti (non mi diverto a fare shopping da sola! ;-) Perciò alla fine il giorno prescelto è stato il 1° Novembre: una tragedia immane! Essendo sabato, perdipiù festivo, e il primo giorno di tempo decente, nella città si è riversato il mondo! Un flusso immane di persone come non ho ricordanza di aver mai visto nelle edizioni precedenti (ricordo solo un anno in cui non fecero entrare più nessuno per un tot di ore, ma ai tempi del palazzetto), che ha portato una congestione incredibile sia nelle strade che (soprattutto) negli stand.
In questi ultimi era praticamente impossibile muoversi o vedere alcunchè, più che altro dopo un po' ti prendeva proprio l'idrofobia e la voglia di sgusciare fuori...
dove però ritrovavi comunque orde di persone (ma almeno respiravi!).
I miei acquisti li ho fatti comunque (in primis sono strafelice di aver trovato la Turandot disegnata da Chiho Saito, che cercavo da anni e [...]

Leggi tutto l'articolo