M5s, fondi Ue Marche fuori da 'cratere'

(ANSA) – ANCONA, 11 MAR – M5s ancora all’attacco sui fondi europei da destinare “prioritariamente” all’area del ‘cratere’ e diretti invece in “gran parte” dalla Regione Marche, secondo il movimento, in zone regionali esterne.
Sono le deputate Paola Terzoni e Martina Parisse a illustrare ad Ancona un dettagliato dossier “Fondi sisma 2016: bancomat della giunta Ceriscioli” per chiedere alla Regione di fare dietrofront su alcune delibere: in particolare per turismo, edifici strategici, edilizia sanitaria, bandi imprese e Patto per lo sviluppo, sostiene l’M5s, la Regione non avrebbe rispettato i criteri della Modalità di attuazione programma operativo per i Fesr, non concentrando le risorse aggiuntive, tramite l’Asse 8, nel cratere: l’uso “inopportuno” dei fondi riguarderebbe anche 23 dei 45 milioni di euro di fondi per edifici strategici.
Per avere “delucidazioni” e “richiamare” la Commissione Ue su questa “criticità” gli europarlamentari Fabio Massimo Castaldo e Laura Agea presenteranno un’interrogazione al Parlamento europeo.