MA CHE UOMINI SIAMO MA DOVE AVETE BUTTATO IL CERVELLO! Come si può arrivare a violentare una ragazza in gruppo, ad usare il suo corpo e a filmarla senza un briciolo di empatia e senso di colpa?

“Mi hai stuprata, anzi mi avete stuprata, e per voi non è successo niente, come se fosse normale, giusto, scontato, lecito, ma cosa avete in quella testa? È sconvolgente dove possa arrivare la crudeltà umana nascosta sotto i panni di ragazzi normali”.
Purtroppo, come riportano anche i casi di cronaca, la violenza sessuale di gruppo è sempre più frequente, una violenza che invade nel profondo, che lascia dei segni anche e soprattutto nel dopo. Oggi è vero anche che si denuncia molto di più rispetto a prima, ma siamo ancora troppo indietro rispetto al numero reale delle vittime, soprattutto minorenni o giovani adulte. Quello che non si vuole capire è la vera gravità del problema perché la violenza sessuale NON è circoscritta solo al momento della violenza.
Oggi, in più, si riprende tutto, i ragazzi sono abituati fin dall’infanzia a filmare e fotografare ogni azione, diventa quasi una assurda normalità, ed è per questo che lo fanno anche quando mettono in atto comportamenti indegni, c...

Leggi tutto l'articolo