MA DOVE VIVE…FORSE NELLE ARENE ?

MA DOVE VIVE…FORSE NELLE ARENE  ?
Certo che c'è poco da dire o raccontare o commentare in una situazione del genere, un bambino di sette anni che colpisce violentemente una maestra con un testata al naso è il colmo del paradosso, un piccolo dramma vivente che ci regala un candidato a probabili crimini efferati, perché un bambino che ha una tale visione della sua giovane vita, fatta di un’eccessiva confidenza con i coltelli e "mena testate" a sette anni è a dir poco spaventoso, inimmaginabile e soprattutto ci si domanda in quale contesto vivano certi bambini. Il dramma della procreazione senza dignità e responsabilità si ripete all’infinito e nulla viene fatto per impedire che i figli vengano prodotti in serie senza nessuna cura e preoccupazione per il loro stesso futuro, genitori impossibili ai quali il buon Dio ha dato la gioia della fertilità e loro la sprecano in malo modo mettendo al mondo degli esseri umani e lasciati crescere al loro destino o addirittura messi su un barcone e b...

Leggi tutto l'articolo