MAIALE ALLA DIOSSINA, ADOC CHIEDE CON URGENZA ETICHETTATURA CARNE SUINO E DERIVATI

da Adoc Scoperto un alto tasso di contaminazione di diossina nella carne di maiale prodotta in allevamenti tedeschi.
L’Adoc chiede che venga introdotta urgentemente l’etichettatura per la carne suina e suoi derivati e attacca l’Europa, rea di essere troppo debole con le grande industrie.
“L’Unione Europea si dimostra ancora una volta troppo debole con le grandi industrie alimentari del Centro e Nord Europa e con gli speculatori, mentre fa la voce grossa a danno dei consumatori – dichiara Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc - prima l’Inghilterra ora la Germania sono il teatro dell’ennesima contaminazione di diossina di prodotti alimentari.
Le attuali norme europee non garantiscono i consumatori e la sicurezza alla salute ma solo i profitti degli speculatori alimentari.
Per questo chiediamo al Governo italiano di alzare la voce con l’Europa, affinché vengano introdotte nuove normative che garantiscano realmente i consumatori.
E’ superficiale, da parte del Governo, affermare che l’Italia è un paese sicuro.
Senza la tracciabilità di tutti i prodotti lavorati, nel caso dei maiali anche di salumi ripieni di pasta come tortellini, le salsicce e i salami, oltre che della carne fresca e in scatola, che l’Adoc richiede da anni, la sicurezza completa non può essere assicurata.
Anche per le uova la visione ottimistica del ministro ci preoccupa, in quanto fanno parte di centinaia di prodotti lavorati, dalla pasta all'uovo al panettone.
Serve, quindi, la tracciabilità di tutti i componenti, garantendo una corretta e trasparente informazione per tutti i consumatori”.

Leggi tutto l'articolo