MAIALE ALLA DIOSSINA vs LATTE CRUDO

Qualcosa non torna!! Questa è il primo pensiero che mi è balzato alla mente al sentire le due notizie che riguardano da molto vicino la nostra salute… Il problema maltempo, che sta imperversando in tutta Italia creando notevoli disagi e situazioni di pericolo sta monopolizzando televisioni e giornali, ma, tra un’alluvione e l’altra, si sono sentite annunciare due notizie di tipo “alimentare”…già…a quanto pare, come se non si fosse mai saputo, non sempre mangiamo ciò che crediamo di mangiare….
..ma andiamo con ordine… La prima notizia, molto importante, è che in Danimarca un’azienda produttrice di mangimi ha venduto partite di mangime contaminati con diossina 200 volte superiore al limite imposto dalla legge alle aziende zootecniche danesi, col risultato che migliaia di maiali risultano ora avere carni estremamente contaminate da tale sostanza… …beh…per fortuna non siamo in Danimarca direte voi…certo!...dico io, a patto che i suddetti maiali non siano stati trovati stoccati in alcune aziende di Mantova!!! …dite che è ancora sufficientemente lontano da casa vostra?..non è proprio così… ciò che non capisco..o meglio, che cerco a tutti i costi di rimuovere dalla mente, è perché proprio Mantova, tra le tante città di cui è composto il Belpaese… A dire il vero, la risposta potrebbe essere alquanto preoccupante: la zona compresa tra Mantova, Modena e Parma è, udite udite…zona DOP per la carne suina….zona doooop?...e che ci fanno li i maiali danesi?...a questo preferisco non rispondere, ognuno tragga le proprie conclusioni… eppure, a ben pensarci, questa notizia è passata abbastanza in sordina, altrimenti chi compra più lo zampone di Modena dop per festeggiare capodanno? Molto più peso invece è stato dato all’argomento “latte crudo”, in quanto sono stati rilevati 10 casi tra il 2007 ed il 2008 di Escherichia coli, un batterio che produce una grave infezione che culmina con la dialisi del paziente (se non curata) e che deriva dal consumo di latte infetto, oltre che da carni infette non cotte e latticini.
È bene sottolineare la gravità dell’infezione, prima di analizzare anche alcuni dati…10 casi…6.000.000 (seimilioni) di litri di latte crudo venduti ogni anno...che fanno un’incidenza di     quanto? 0,0000…potremmo anche paragonare la cifra alle famiglie e non ai litri, considerando una media di un litro/gg/famiglia, ma rimarrebbe comunque un’incidenza dello 0,000… A questo punto mi pongo la domanda..la solita…son fatto così…chi ci guadagna [...]

Leggi tutto l'articolo