MANOVRA FINANZIARIA!!

 ECCO ALCUNE DELLE NORME CONTENUTE NELLA MANOVRA FINANZIARIA APPROVATE ALLE COMMISSIONI DELLA CAMERA.
 E' arrivato all'alba il via libera per la manovra finanziaria dalle Commissioni Bilancio e Senato della Camera.
È terminato, con un rush finale di votazioni, l'esame del provvedimento che ha impegnato le commissioni per quasi 11 ore.
Il provvedimento sarà già questo pomeriggio all'esame dell'Aula di Montecitorio.
Le Commissioni hanno esaminato quasi tutti gli emendamenti.
Sono state accantonate le misure sul nucleare e l'articolo 60 con la riforma della Finanziaria e le nuove norme per la copertura finanziaria delle leggi di spesa.
Poche votazioni in dieci ore e poi la volata: negli ultimi 60 minuti sono state approvate molte misure al decreto legge sulla manovra.
Impronte per tutti Tra le principali novità quelle delle impronte digitali per tutti dal primo gennaio 2010.
È quanto prevede un emendamento al decreto legge sulla manovra che ha ottenuto il sì bipartisan nelle commissioni Bilancio e Finanze della Camera.
Si tratta di una modifica all'articolo che raddoppia la validità della carta d'identità, primi firmatari: Marco Marisilio, Fabio Rampelli e Massimo Enrico Corsaro (Pdl).
«La carta di identità ha durata dieci anni e deve essere munita dalla fotografia e delle impronte digitali ¨ si legge - della persona a cui si riferisce».
Plauso dei deputati del Pd che spiegano come questa modifica «dissenesca la questione Rom.
Ora le impronte ¨ dice Antonio Misiani - saranno prese a tutti».
Anche se in realtà, spiega Giulio Calvisi, esiste una direttiva comunitaria che porterà prima o poi tutti i Paesi Ue a introdurre questa novita.
Si tratta soprattutto di «una vittoria simbolica significativa», insistono i deputati del Pd.
Lo spazio per le impronte è già previsto comunque sulle attuali carte d'identità.
Sanità, stop ticket ma decide la Regione Novità anche in tema di sanità: via i ticket sanitari sulla diagnostica anche per il prossimo anno, ma l'ultima parola spetta alle Regioni. La misura prevede da parte dello Stato solo un incremento di 50 milioni, il resto dovrà arrivare da razionalizzazione ed efficientamento della spesa, tra cui la riduzione del 20% dei compenmsi dei direttori generali, sanitari e amministrativi collegi sindacali Asl, aziende ospedaliere, anche quelle universitarie e Ircss e istituti zooprofilattici. Le Regioni sono libere di mantenere in maniera integrale o ridotta il ticket sulla diagnostica come una sorta di compartecipazione alla spesa sanitaria [...]

Leggi tutto l'articolo