MARQUEZ : MEGLIO DI STONER , VICINO A SPENCER

Il primo record è caduto e curiosamente Marc Marquez l’ha strappato proprio al pilota che ha sostituito.
Non è più Casey Stoner il pilota più giovane ad avere conquistato una pole in MotoGP e adesso è Freddie Spencer a tremare.
La promessa ci ha messo poco a trasformarsi in realtà e dopo avere preso i complimenti di tutti più illustri piloti a due ruote, ha ricevuto anche quelli di Mario Andretti, “ha il circuito in mano”.
Nel polso destro per la precisione.
E le idee molto chiare.
MARQUEZ: BELLA LA POLE, MEGLIO LA VITTORIA – “Sono felicissimo di questa pole position, è ancora meglio della prima che conquistai in 125.
Ma se riuscirò a vincere la gara lo sarò ancora di più” ha scherzato Marc e in tanti pensano che forse un altro record, quello di Freddie Spencer più giovane vincitore nella classe regina, sia destinato a cadere oggi.
E dire che Marc era addirittura nervoso prima delle qualifiche, “sapevo di potere puntare al primo posto, ma farlo è un’altra cosa.
Questi piloti vanno veramente forte sul giro secco” ha detto.
Sono veloci, è vero, ma non abbastanza.
“La strategia di fare solo un’uscita ha pagato, le gomme tenevano – ha continuato – Ma domani sarà una gara lunga e difficile fisicamente.
Nella prima parte ci sono molti cambi di direzione e alla fine sei esausto”.
CRUTCHLOW: NESSUNA YAMAHA PUO’ VINCERE – La verità è che Marquez e la Honda formano una coppia perfetta in questo tracciato e sembra quasi di rivedere Stoner nella sua Phillip Island. Cal Crutchlow ha riassunto la situazione meglio di tutti: “qui nessuna Yamaha ha la possibilità di vincere.
E’ incredibile come le Honda riescano a frenare.
Di solito non hanno questo vantaggio”.
Jorge Lorenzo non ha usato le stesse parole, ma a leggere tra le righe delle sue dichiarazioni il senso non cambia molto.
“Oggi ho fatto il massimo che ho potuto – ha ammesso – lottare per il secondo o il primo posto era fuori dalla nostra portata. In gara a volte succedono cose inaspettate, quasi magiche, ma seguire Dani e Marc sarà difficile”.
Poteva forse andare un po’ meglio senza un errore negli ultimi minuti. “Sono entrato in corsia box per poi uscirne, non volevo tirare altri piloti – ha raccontato – Però quando era in pit lane l’elettronica è andata in palla e ho perso l’ultimo giro buono.
Però a dirlo forse ho fatto un altro errore” ha riso.
GARA LUNGA, PARTENZA A RISCHIO - Quasi ci si dimentica di Pedrosa.
Le lamentele assortite delle libere però sono scomparse e il distacco [...]

Leggi tutto l'articolo