MASSONERIA LE ORIGINI SEGRETE

1a parte dell'iniziazione al Terzo Grado (Maestro) 2a parte dell'iniziazione al Terzo Grado   La storia occulta della massoneria Per la maggioranza degli storici la frammassoneria risale al XVIII sec., quando venne resa pubblica.
Ma esistono prove che questa società segreta andò materializzandosi lentamente molto prima della costituzione della Gran Loggia d’Inghilterra nel 1717.
Le sue origini perdute potrebbero risalire ai misteri egizi, alla sapienza sufi, all’occultismo ebraico e ai templari.
Che fondamento ha questa ipotesi? Esiste una storia perduta della massoneria?   di Josep Guijarro Per gli storiografi la massoneria nacque nel 1717 grazie ai pastori protestanti inglesi James Anderson e J.T.
Desaguliers, ma è ovvio che i loro riti e credenze erano ispirate a leggende molto più antiche, le cui origini continuano a essere oggetto di discussione.
Discendono per caso dagli Antichi Misteri Pagani, dal Tempio di Re Salomone, dai Templari o dai Massoni Operativi del Medioevo? Al British Museum sono conservati due dei documenti massonici più antichi che si conoscano.
Sembra che risalgano rispettivamente al 1390 e al 1450.
Il primo ha il nome di Manoscritto Regius, mentre il secondo è il Manoscritto Matthew Cooke.
Questo è costituito da due parti, conosciute come “La Storia” e “Gli Incarichi Antichi”, che facevano parte delle Regole generali massoniche compilate nel 1720, e che anche James Anderson utilizzò come materiale di riferimento per la sua Costituzione di tre anni prima.
Nel migliore dei casi, quindi, le prime menzioni alla massoneria risalgono al XIV sec.
E’ questa l’età della potente società o esiste un’origine anteriore, mitica e misteriosa?   Estetica salomonica Il pioniere degli occultisti Eliphas Levi ci ricorda una leggenda massonica che rapporta le origini di questa istituzione con un manoscritto dell’VIII sec.
riguardante la costruzione del Tempio di Salomone e il suo architetto Hiram Abiff.
Il mitico tempio era un autentico trattato di geometria che riproduceva nelle sue strutture simboliche i differenti piani e livelli del cosmo.
La vera importanza di questa storia però è da ricercare nel punto di vista allegorico.
Quindi, questa costruzione non sarebbe altro che una riproduzione della volta celeste dove il Sole è il re e l’altare punterebbe verso la costellazione dell’ariete.
Cosa che risulta evidente nel testo biblico della Lettera agli Ebrei (9:24), quando si dice che «Cristo infatti non è entrato in un santuario fatto da mani d’uomo, figura di quello vero, ma [...]

Leggi tutto l'articolo