MATTARELLA CHI?

Gentile e illustre presidente Sergio Mattarella,abbia comprensione per un povero storico convinto liberale e democratico costretto dagli eventi a intervenire in quella che potrebbe sembrare una difesa del fascismo.«E allora perché non ti sei dichiarato liberale, democratico e antifascista?», ribatterà qualcuno in vena di polemiche.
Perché è inutile e superfluo, rispondo: un liberale e democratico non può essere che antifascista, altrimenti non è né liberale né democratico.
Anzi, a ben guardare, anche l'aggettivo «democratico» è superfluo: come ce lo immaginiamo un liberale non democratico? Per un uomo delle istituzioni è diverso, tanto più se è anche presidente della Repubblica.
Come tale lei è tenuto a ricordare che «La Repubblica italiana, nata dalla Resistenza, si è definita e sviluppata in totale contrapposizione al fascismo.
La nostra Costituzione ne rappresenta, per i valori che proclama e per gli ordinamenti che disegna, l'antitesi più netta».
Così ha infatti detto lei, ieri, ...

Leggi tutto l'articolo