MC DONALD'S

ss     scandalosa convenzione tra atr e mc donald's:...in barba alla sana alimentazione, dei giovani e meno giovani,  ININSERIAMO L'INTERVENTO DEL NOSTRO CONSIGLIERE PROVINCIALE  SULLA QUESTIONE:     Consigliere Provinciale Pier Giorgio Poeta Ordine Del Giorno urgente:  REVOCA CONVENZIONE ATR-MCDONALD’S E TRASFORMAZIONE DEI BUONI CONSUMAZIONE IN 100 EURO DI SCONTO SULL’ABBONAMENTO SCUOLA CARD 2008.
IL CONSIGLIO DELLA PROVINCIA DI FORLI’-CESENA PRESO ATTO CHE Per incrementare le vendite degli abbonamenti è stata stipulata una convenzione con McDonald’s pubblicizzata come Operazione "buon appetito".
Infatti, con l'acquisto dell'abbonamento Scuola Card 2008 si ricevono in regalo 32 buoni sconto del valore complessivo di 100 euro da utilizzare presso i ristoranti McDonald's di Forlì e Cesena per i prodotti indicati sui tagliandi dal 1° ottobre 2008 al 30 giugno 2009.
CONSIDERATO CHE la McDonald’s, pubblicizza il proprio cibo come "nutriente", ma in verità si tratta di cibo - ricco di grassi idrogenati, grassi saturi, zuccheri complessi e sale, povero di fibre e vitamine.
Si può affermare oramai con certezza che questo tipo di alimentazione e queste nuove abitudini alimentari, del fast food, sono le cause o favoriscono il sovrappeso e dell’obesità che colpisce il 10-12% dei ragazzi ed è causa di molte malattie.
Accertato che un'alimentazione di questo tipo è legata ad un alto rischio e che favorisce le cosiddette “patologie killer” (malattie vascolari, tumori, diabete tipo II) che hanno in comune stili di vita sbagliati.
E’ stato stimato, infatti, che un errato stile di vita sia causa di circa il 31% delle malattie cardio-ischemiche, l’11% degli infarti a livello mondiale e del 12% di diabete tipo II.
Questi dati allarmanti hanno indotto il Ministero della Salute e della Pubblica Istruzione ad attivarsi per promuovere la “cultura” di un corretto stile di vita affidando la sperimentazione pilota nazionale “Frutta Snack” a “Centrale - Sperimentazione e Servizi Agro-ambientali” di Cesena sulla base della positiva esperienza già realizzata.
Considerato altresì che i Comuni del nostro territorio, le pubbliche amministrazioni, compresa la nostra, da anni investono culturalmente sui giovani, per dare stimoli alimentari alternativi, partendo proprio dai ragazzi delle scuole, per cercare di contrastare un modello di sviluppo, anche alimentare, ormai insostenibile ed iniziare, finalmente, ad invertire la rotta  sulla cattiva alimentazione.
APPURATO CHE la McDonald’s è la principale [...]

Leggi tutto l'articolo