MILLE GIORNI DI TE E DI ME

Io mi nascosi in te,poi ti ho nascostoda tutto e tutti,per non farmi più trovaree adesso che torniamo ognuno al proprio postoliberifinalmentee non saper che fareNon ti lasciai un motivo,né una colpa,ti ho fatto male per non farlo alla tua vitaTu eri in piedi contro il cieloed io così,dolente,mi levai,"imputato alzatevi"Chi ci sarà dopo di terespirerà il tuo odorepensando che sia il mioio e te,che facemmo invidia al mondo,avremmo vinto mai contro un miliardo di persone?E una storia va a puttaneSapessi andarci io...Ci separammo,un po' come ci unimmo,senza far nientee niente poi c'era da fare...se non che farlo!E lentamente noi fuggimmo,lontano,dove non ci si può più pensareFinimmo prima che lui ci finisse,perché quel nostro amore non avesse finevolevo avertie solo allora mi riuscìquando mi accorsiche ero lì per perdertiChi vorrà dopo di tesi prederà il tuo armadioe quel disordineche tu hai lasciato nei miei fogliandando via cosìCome la nostra prima scena,solo che andavamo via di schiena...Incontro a chi insegneremoquello che noi due imparammo insiemeE non capire mai cos'èse c'è stato per davveroquell'attimo di eterno che non c'èMille giorni di te e di meTi presento un vecchio amico mio,il ricordo di tePer sempre,in tutto quanto il tempo di quest'addioio mi innamorerò di te

Leggi tutto l'articolo