MIRACOLO PER INTERCESSIONE DI SANT'ANTONIO DI PADOVA, BAMBINA NATA DA COPPIA STERILE GUARISCE DA TUMORE AL CERVELLO

Ci sono cose che non si possono spiegare.
Fatti davanti ai quali anche i medici alzano le braccia.
Ne sono sicuri, i genitori e i nonni della piccola Kairyn, senz'altro stupiti i fedeli che domenica hanno ascoltato le parole di padre Enzo Poiana, nella basilica di Sant'Antonio, quando, durante il battesimo, il rettore ha raccontato la storia inspiegabile di questa bambina.
La vicenda risale a gennaio 2014 quando l’uomo è andato a una visita perché la moglie non riusciva a rimanere incinta.
La donna si era a sua volta sottoposta a tantissimi esami, ma era sempre risultato che non aveva problemi.
Il motivo dell’infertilità è invece emerso chiaramente dai referti del consorte: sterilità assoluta, senza nessuna possibilità, neppure la più remota, di procreare.
I due, a questo punto, hanno pensato all’adozione, decidendo, però, di fare prima un percorso di consolidamento di coppia: erano credenti, ma non frequentavano più di tanto le chiese.
E così hanno iniziato ad andare nella Basilica del Santo.
Un giorno l’uomo ha deciso di confessarsi a padre Francesco Ruffato.
Marito e moglie hanno seguito i suoi suggerimenti e ricevuto la benedizione assieme alle altre coppie sterili e hanno chiesto la grazia di poter diventare genitori.
Nei giorni successivi sono andati a Roma con l’intenzione di vedere pure Papa Francesco.
Quando sono tornati, nella cassetta delle lettere hanno trovato l’agenda del Messaggero e un’immagine di Antonio, che hanno riposto in un cassetto.
Qualche giorno dopo la donna ha scoperto di essere incinta.
«Non ci credevano - racconta padre Poiana - Il test di gravidanza li ha visti felicissimi.
Hanno subito avuto la certezza che fosse stato Sant’Antonio a mandargli il bambino e che poi, per far capire che l’intercessione era stata sua, e non del santo Padre, gli aveva fatto trovare nella cassetta postale il suo santino.
A introdurre la consuetudine di celebrare una messa per le coppie sterili, e per quelle che già attendono un bebè, era stato proprio padre Poiana, poco dopo il suo insediamento.
«Con tanti sposi che arrivano speranzosi da tutta Italia, è sempre un momento molto commovente - annota -.
Come lo è stato domenica per il battesimo di Kayrin, davanti a un migliaio di persone che hanno applaudito questa bellissima bambina guarita da una malformazione e nata sana grazie a Sant’Antonio».
UN TUMORE AL CERVELLO.
Un miracolo.
Quando ancora era un feto nel grembo materno, la mamma era stata sottoposta ad una prima ecografia.
Tremendo il verdetto: la bambina aveva una [...]

Leggi tutto l'articolo