MIRELLA E VANNA racconto (742) di Dino Secondo Barili

Intrigo … …a Pavia (Questestorie, anche se raccontate come vere, sono  frutto di fantasia.
Pertanto non hanno nulla ache vedere conpersone o fatti realmente avvenuti) racconti di settembre 742 Mirella e VannaIl venerdì pomeriggio è il giorno in cui molte persone respirano… Non…nel senso che le persone respirano solo in quel momento (se non si respira… simuore).
Nel senso che respirare vuol dire anche pensare alla propria vita, aipropri affetti… soprattutto a ciò che si potrebbe fare la sera di venerdì… ilsabato mattina, pomeriggio, sera… E la domenica? Meglio non pensarci … troppolontana.
Un anno fa, pensava cosi anche la Dott.
Mirella, impiegata aMilano, abitante a Pavia.
Quarant’anni portati alla grande, bellissima.
Un po’sfortunata in amore… ma nel complesso con molti sogni nel cassetto.
Tra isogni, al primo posto, sicuramente l’amore.
Un venerdì pomeriggio del mese disettembre di un anno fa, Mirella aveva la testa in ebollizione.
Chiamò altelefono la sua amica e coetanea Vanna e… “Quando esci dall’Ufficio aspettamial Bar.
La prima che arriva… aspetta” Vanna era un tipo estroso.
Non avevabisogno di troppe parole… captava nell’aria il buon vento che soffiava nelleespressioni dell’amica.
Al Bar non ha dovuto attendere molto.
Mirella entrò nellocale con lo spirito di colei che aveva vinto la lotteria.
“Vanna abbiamogiusto il tempo per prepararci.
Alle nove di questa sera, passa il Dott.
Francoa prenderci.
Siamo invitate al Club degli Scrittori.
Ci sarà la presentazionedel nuovo concorso: “Una giornata al mare”.
Ci saranno anche i nuovi Consiglieri.Preparati spiritualmente… io lo sono già” Vanna comprese che quel venerdì sera sarebbestato “di fuoco”.
Lo leggeva negli occhi di Mirella… e lei ne era contagiata.Alle nove in punto il cinquantenne Dott.
Franco si è presentato sotto la casadi Mirella con la sua Ferrari ultimo modello.
Un attimo… e la comitiva era già nellaSede del Club degli Scrittori.
Quando si decide un Concorso vuol dire è giàstato pensato, preparato, organizzato …e finalizzato.
Infatti, il Dott.
Francoaveva già predisposto tutto.
E’… come il caso di un Regista quando mette afuoco un’idea.
Nulla deve essere lasciato al caso.
Infatti, il Dott.
Franco,dopo la presentazione del concorso ha fatto in modo che Mirella e Vannaincontrassero i nuovi Consiglieri del Club degli Scrittori, i Dott.
Renato eErcole, due Dirigenti di Agenzie Commerciali a Milano, interessate al “concorsoletterario”.
Anzi, erano stati proprio loro, Renato e Ercole, a suggerirel’idea al Dott [...]

Leggi tutto l'articolo