MONICA BELLUCCI, elogio della mezza età

E’ vero che sono proprie dell' adolescenza e della gioventù  estasi più trascinanti, percezioni più acute e brividi più appassionati: ma la mente piomba più facilmente nello scoraggiamento, nella tristezza, nella disperazione.
Nella mezza età la vita non è più così esaltante, ma offre un interesse più vasto e più pro­fondo...
Ai giovani gli sbagli sembrano irreparabili, le disgrazie intollerabili, le delusioni insopportabili.
A questa età invece si  impara che spesso si possono rimediare gli errori: che le disgrazie hanno talvolta qualche compenso; che una delusione può essere, di per sé, un forte incentivo a ten­tare di nuovo.
Si sperimenta che la speranza è più forte del dolore; e che molti dolori della vita esistono soltanto nell'immaginazione.

Leggi tutto l'articolo