MORTE DI UN MOVIMENTO CHE DOVEVA SPACCARE IL MONDO

IO LO CHIAMEREI ....IL GRANDE BLUFF Dove abbia cominciato, Beppe Grillo, a sprecare l’immenso patrimonio che di colpo si era ritrovato in dote alle elezioni del 2013 non si sa.
Forse il giorno in cui apparve sulla spiaggia davanti alla sua villa con quella specie di scafandro, misterioso e inaccessibile come un’afghana sotto il burka.
Forse quando, avvinazzato dai titoli dei giornali di tutto il mondo, rifiutò per settimane ogni contatto con la «vil razza dannata» dei giornalisti nostrani compresi quelli corteggiati nei tempi di vacche magre.
Forse quando, scartando a priori ogni accordo, plaudì ai suoi che rifiutavano perfino di dire buongiorno agli appestati della vecchia politica o si disinfettavano se per sbaglio avevano allungato la mano a Rosy Bindi.
O piuttosto la sera in cui strillò al golpe e si precipitò verso Roma invocando onde oceaniche di «indignados»: «Sarò davanti a Montecitorio stasera.
Dobbiamo essere IN TANTI...SICCOME ERANO 4 GATTI NON SI PRESENTO'...
Non ripassano, certi autobus.
Una volta andati, ciao.
Prendete la Calabria: conquistò 233 mila voti (quasi il 25%), alle politiche del 2013.
Ne ha persi l’altra settimana duecentomila.
E quando mai li recupererà più? Con questa strategia, poi! «Non ci sono più parole per descrivere il lento e inesorabile, ma tutt’altro che inevitabile, suicidio del Movimento 5 Stelle», ha scritto ieri Marco Travaglio, che pure non faceva mistero di averlo votato.
«Un suicidio di massa che ricorda, per dimensioni e follia, quello dei 912 adepti della setta Tempio del Popolo, che nel 1978 obbedirono all’ultimo ordine del guru, il reverendo Jim Jones, e si tolsero la vita tutti insieme nella giungla della Guyana».
CHI TRAVAGLIO? ADESSO VEDE L'INESORABILE CADUTA DEL MOVIMENTO? L'ALTRO IERI AVEVANO VINTO LE ELEZIONI O NO?  Brutta bestia, il potere.
Guadagnato quello, il bottino più ambito di chi fa politica, è andato avanti sparandola sempre più grossa.
Nella convinzione che ogni urlo, ogni invettiva, ogni insulto portasse ancora voti, voti, voti...«Ogni voto un calcio in culo ai parassiti che hanno distrutto il Paese».
«Facendo a modo nostro saremo più poveri per i prossimi 4-5 anni, ma senza dubbio più felici».
«Apriremo il Parlamento come una scatola di tonno».
Un «partito-tutto» contro tutto e tutti.
Finché, di sconfitta in sconfitta, non si è accorto che qualcosa, nel rapporto col «suo» popolo, si stava incrinando.
Che lui stesso stava smarrendo l’arte superba di saper mischiare insieme la potenza della denuncia e la [...]

Leggi tutto l'articolo