MOTTA BALUFFI; fra storia e leggenda

Le storie di Motta Baluffi: Delfo ottobre 1944
Delfo dopo l'8 settembre 1943 con il disfacimento dell'esercito italiano, tornò a casa a piedi dalla Grecia ed arrivò nottetempo. Dopo qualche giorno una pattuglia di carabinieri e repubblichini lo vide e gli chiesero i documenti.
Egli rispose che al momento ne era sprovvisto ma che comunque li avrebbe accompagnati presso il comune di Motta Baluffi dove erano custoditi. 
Così si mise davanti ed accompagnò le forze dell'ordine presso il comune.
 Davanti alla porta, con gesto ossequiente, si inchinò davanti a loro e li invitò ad entrare per primi. 
Non appena furono entrati, con un balzo fulmineo chiuse la porta a chiave dietro di loro e balzando giù per le scale fuggì attraverso il mais dileguandosi. 
Verso sera presso la sua abitazione si presentarono i repubblichini, guidati dal loro capo "al  Toscanino"ed entrarono in casa a malo modo. Minacciarono i familiari chiedendo loro dova si fosse nascosto e la madre rispose che era a soldato, in...

Leggi tutto l'articolo