MOTTA BALUFFI; fra storia e leggenda

Le leggende di Motta Baluffi
Al Vèscuf e la garnèèra
Si racconta che durante una importante processione  in un paese vicino (Voltido sembra) ci fosse la partecipazione straordinaria del vescovo. 
La processione cominciò, 
il vescovo fu come di consueto  
preceduto dai chierichetti, 
dalle donne, 
dal preosto, e dal vicario.
Stavano percorrendo una strada stretta, 
ed appoggiata ad un muro di una casa c'era una scopa.
La scopa era d'intralcio alla gente, 
tutti per passare erano costretti a scavalcarla 
alzando  una gamba.
Passarono i chierichetti, 
passarono le donne, 
passò il preosto col vicario, 
e tutti avevano alzato la gamba.
Arrivò il turno del vescovo, che si fermò, 
prese la scopa 
e la appoggiò al muro 
in modo che non fosse d'intralcio a nessuno.
Poi riprese la processione.
ricordi le storie che ti raccontavano i nonni? contattami che le pubblichiamo
turn'indree
indree 'n pass
 

Leggi tutto l'articolo