MP ISIDE

Come di seguito documentato, questo di norma era cio' che capitava ai pescherecci quando per errore o altri motivi entravano nelle acque territoriali dell'allora  Yugoslavia governata da Tito.
Tutto questo sembra incredibile ma le foto parlano chiaro, venivano presi letteralmente a cannonate.
Ogni foro,  misurato dal sottoscritto, era del diametro di 10/12 cm e le lamiere del peschereccio erano dello spessore di 10/12 mm.
Questo poco importava  ai militari delle vedette Slave se per caso ci scappava  il morto, azioni che non possono essere ne classificate ne commentate.
Forse, l'unico accostamento che mi viene in mente e' paragonabile ad un atto di pirateria autorizzata (dire pirateria e' gia' un complimento).......
le foto parlano da sole.
L'uso delle armi, ed in questa circostanza, di armi di grosso calibro, non credo fossero contemplate in certi casi e per motivi spesso banali e molto opinabili.
Solitamente se un  peschereccio veniva preso con le "mani nel sacco" ovvero, a pescare  ...

Leggi tutto l'articolo