MSI MESSINA LA RISCOSSA!

Dalle parole ai fatti: comunicati stampa, invio di note ai vari Assessori interessati al ramo del ripristino urbano e ambientale, richieste specifiche, ma anche proposte.
Si, perchè la Fiamma Tricolore, in questi giorni di inerzia, da parte della Cosa Pubblica, ha espressamente richiesto, che vengano impiegati i tantissimi migranti ospitati nelle varie strutture messinesi, proprio per far fronte all'emergenza sociale di queste settimane, (ma già presente da parecchi mesi a fasi alternate!), per lavori socialmente utili, facendo ben presente al Prefetto, ma anche ai Media, della Circolare inviata a tutte le Prefetture, (datata 27/11/2014), in cui "si invita a superare l'inattività dei migranti, con accordi basilari coi vari Comuni in cui sono collocati".
Ma anche questa risposta, tarda ad arrivare.
D'altronde, diranno - cosa vogliono questi del MSI Messina? E' semplice, rispondiamo noi: rispetto, cultura, civiltà, decoro pubblico e privato, perchè i messinesi pagano profumatamente le tasse sullo smaltimento dei rifiuti, e nessuno di questi individui, può permettersi il lusso, di tirare a lungaggini celate dalla burocrazia! Militanza, e tanta voglia di fare chiarezza, in netto contrasto con la finzione di obbiettivi poco chiari da Palazzo Zanca, è questa la strada che il Movimento Sociale sta portando avanti, da soli, come sempre, senza "l'amico dell'amico", perchè sappiamo difenderci da noi, fieramente orogliosi del diritto di parola, e del diritto di dissentire, quando la Democrazia viene meno con chiacchiere a vanvera di questo o quell'esponente politico.
La facciata di convenienza, che si compiace di cotanta miseria, non è più tollerabile.
Perchè non è possibile chiedere ai comuni cittadini e alle varie associazioni di volontariato di rimediare al disastro della Cosa Pubblica, per puro "atto d'amore"; perchè i messinesi pagano le tasse, e hanno il diritto sacrosanto di avere un minimo di decoro urbano; perchè è giunto il momento di fare un passo indietro da parte di chi occupa poltrone ingombranti, assumendosi le responsabilità di questo disastro visivo, sociale e urbano; perchè Messina non è Roma, ma anche peggio: ad ognuno il Marino di turno; perchè non si possono fare dichiarazioni a vanvera sui giornali, rimandando "a domani", un vasto problema che dalla zona Nord, si protrae fino all'estremo versante della zona Sud.
Vi lasciamo con una raccolta foto scattate tra ieri e oggi, per ricordarVi, cosa stiamo vivendo.
Aiuola spartitraffico V.Le S.Martino Ex birrificio Messina Fermata Tram Villa Dante [...]

Leggi tutto l'articolo