Ma voi ci avete capito qualcosa sulla Tav?

Le baruffe chiozzotte in confronto sono un lineare racconto da leggere per conciliare il sonno. La questione Tav, invece è una ridda di dichiarazioni, controdichiarazioni, vaffanculi artificiali, pace fatte nel tempo di un amen, e poi di nuovo governi che sembrano crollare, nemici che tornano grandi amici e che si baciano di fronte alle telecamere, visite sul cantiere per complimentarsi con i lavoratori, assenze dal cantiere di qualcuno (come Di Maio) che dice che non c’è nessun cantiere, come Babbo Natale: non esiste.
Sulla questione Tav il governo sta dando il meglio di se stesso: Di Maio e Toninelli contro Matteo Salvini. Solo che mentre i pentastellati si appellano alla temperatura cardiaca di un popolo che li ha abbandonati da un pezzo, dall’altra parte Salvini rilancia un nuovo Piano Marshall per le grandi opere e per rilanciare l’economia. Indovinate un po’ chi sembra più convincente? Metteteci che da una parte c’è Di Maio che nega l’esistenza di un qualsiasi buco e dall’altr...

Leggi tutto l'articolo