Machiavelli e ibn khaldun sui segreti del potere

A Villa Medici ,a Trinità dei Monti ,in Roma ,l'Accademia di Francia ha avviato delle lezioni per il XXI sec.
sull'Europa ed il mondo musulmano per facilitare una conoscenza più diretta .Questa,a cui ho partecipato  del 18-19 maggio, riguardava un comparativismo" rigoroso", come è stato precisato, tra il nostro Machiavelli e ibn Khaldun di Tunisi (1332-1406) il cui pensiero politico s'è affacciato in un momento in cui l'Europa ed il mondo dell'Islam si sono aperti a nuovi orizzonti,configurando la realtà del loro tempo . Alla presenza dell'Ambasciatore in Italia Jean -Marc de La Sablière, si sono alternati al tavolo della discussione, per due giorni ,A.
Cheddafi,prof.
di Rabat,H.
Laurens prof.
del Collège de France di Parigi ,L.
Canfora dell'Università di Bari ,M.
Campanini,Cl.
Lo Jacono ,G.
Vacca dell'istituto Gramsci  ,Kh.
Fouad Allam ,giornalista ed altri eminenti studiosi di storia e di varia cultura per trattare temi inerenti la problematica :potere e società nel Mediterraneo,lo Stato,la modernità ,i linguaggi e la frammentazione tra culture,nuovi orizzonti .E' seguito un ampio dibattito che ha auspicato un'integrazione tra culture diverse che privilegi il dialogo e combatta ogni tipo di violenza.E' in gioco il nostro avvenire di popoli in cammino.

Leggi tutto l'articolo