Machu Picchu, lotta con turismo di massa

(ANSA) – ROMA, 22 MAR – ”Per noi essere lì è sentirsi osservati.
Non sei tu che guardi le montagne, sono loro che osservano te”.
Quarant’anni tra quegli scavi e quelle vette, Fernando Astete non è solo l’antropologo storico direttore del sito più iconico di tutto il Perù.
Per tutti è ”il guardiano di Machu Picchu”, il santuario patrimonio Unesco adagiato nella bellezza mozzafiato delle Ande amazzoniche.
Da un mese in pensione è in questi giorni in Italia, ieri a convegno alla Curia Iulia al Foro di Roma, oggi al Mudec di Milano, a raccontare l’eterna lotta tra luoghi di bellezza e turismo di massa.
”Dal primo gennaio siamo ricorsi a nuovi percorsi ed entrate a orari”, dice, per garantire la sopravvivenza di ”un luogo sacro, prima ancora che storico, costruito per 400 residenti e massimo 1.500 persone riunite contemporaneamente, ma che oggi arriva fino a 6 mila visitatori al giorno”.
Dopo aver mappato 37 mila ettari del sito, scoprendo strade e costruzioni, ”ho ancora una domanda: perchè gli Inca costruirono proprio lì?”