Macron e i suoi amici banchieri hanno paura dei comunisti?

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer
per la ricostruzione del P.C.I.

di Andrea Montella

Carissime compagne e compagni
il presidente francese Macron ha fatto nei giorni scorsi un discorso, parlando alla Conferenza degli ambasciatori, di grande apertura e solidarietà verso l'Italia, partendo dal caso della nave Diciotti e dai 150 migranti.
Come mai un discorso così autocritico e di attacco alle politiche fatte dall'Europa e dalla Francia e che qui sotto riportiamo? Come non ricordare a Macron, il comportamento dei gendarmi francesi alla frontiera di Ventimiglia nei confronti delle vittime delle guerre imperialiste e delle politiche di rapina in Africa e Medio Oriente? In cui la Francia ha un ruolo assai aggressivo, vedi il caso Libia-Gheddafi.
Credo che l'atteggiamento di Macron sia dovuto al viaggio del ministro dell'Economia e delle Finanze Giovanni Tria, nella comunista Repubblica Popolare Cinese che ha sicuramente spaventato il presidente francese, che è uomo dei Rothschild...

Leggi tutto l'articolo