Maggio de dolore! (3-6)

Maggio de dolore! III.
Que' le giornate torneno, ripiene de tanta pace e de sollevazione, ma nu' risvejeranno più 'ste vene e 'sto cervello tutto in confusione.
De que' le notte limpide e serene c'è restata sortanto la visione, 'sto core s'è sperduto in un burone pieno de spine, de tormenti e pene.
Ritorna Maggio, er core fa l'appello, e in mezzo a un gran pianto e gran dolore risurta che ci'amanca un gran gioiello.
Manca un sergente de li berzajeri, tutto pieno de vita e de vigore, dar viso bello e dall'occhioni neri! IV.
Ci'amanchi tu, fratello mio adorato, angelo de bontà, core gentile, tu sei cascato tra le sante file, vittima de quer piombo avvelenato! Quanto dolore atroce avrai provato, quante maledizioni e quanta bile avrai mannato giù, quando er fucile lo vedessi per tera abbandonato! E que' la baionetta già provata avrà mannato 'n'urlo disperato, come 'na berva quanno ch'è arretrata! Quell'occhi fieri, er core me lo dice, avranno certamente furminato chi te puntò que' la mitrajatrice! V.
TuMonte Cucco che stai tutto avvorto in un velo de sangue e de mistero, dimme si prima che lui fusse morto te lasciò detto l'urtimo pensiero.
Parleme franco, parleme sincero, perché tu l'hai ferito e l'hai riccorto e insieme a l'antri eroi poi l'hai seporto a Zagora, in quer freddo cimitero.
Cercò forse 'na sposa, du' fratelli, un padre addolorato, e ortre a questi te parlò de du' fiji tanto belli? Ma tu nun me risponni un momentino, tenghi un core de pietra, e poi me resti impassibile come 'n'assassino.
VI.
Sia onore a te o memoria benedetta, che su quer campo carico de groria cor sangue tuo e co' la baionetta ce scrivesti 'na paggina de storia.
Tu forse avrai sognato 'na vittoria, un ritorno a la casa prediletta, ma la morte crudele e maledetta de 'na vita ne fece 'na memoria.
Nu' lo rivedrò più quer portamento d'un forte e generoso berzajere dall'occhi neri e co' le piume ar vento.
Io te faccio un saluto de dolore, un saluto che spetta de dovere a 'n'eroe, a un fratello, a un superiore! Peppino Nunzi Pulfero, 3 marzo 1917 Da: Ricordi de guera - versi in dialetto romanesco, Roma, Tip.
Coop.
Sociale, 1918, pag.
19, 22

Leggi tutto l'articolo