Magistero

Sollicitudo rei sociali  - Giovanni Paolo II -
 
L'enciclica è molto ricca di temi, di spunti di riflessione, di richiami sia alla Populorum Progressio di Paolo VI, che ad altri documenti della dottrina sociale della Chiesa; ma segue un filo di discorso lineare, logico e dottrinalmente robusto, che soggiace a tutta la trattazione dell'argomento principale: cioè l'allargamento del concetto e del progetto di "sviluppo dei popoli" su dimensioni sempre più marcatamente mondiali. Il documento si inserisce nel quadro della situazione socioeconomica, culturale e politica del mondo, quale si delinea a un ventennio dalla Populorum Progressio, riprendendo l'idea dello sviluppo per affermare che, se è entrato in crisi, se non addirittura fallito, il progetto che negli anni Sessanta suscitava tanto interesse e persino entusiasmo, in gran parte è dovuto al fatto che si aveva un concetto troppo riduttivo dello sviluppo, considerato quasi esclusivamente nei suoi elementi socioeconomici, senza suffici...

Leggi tutto l'articolo