Mai più violenza sulle donne

  Mai più violenza sulle donne Bulletin Posted by Amnesty Italia Le donne sopportano il peso maggiore della povertà, della violenza e delle violazioni dei diritti umani.
A causa della discriminazione cui vanno incontro in ogni parte del mondo, ne vengono colpite più degli uomini.
Oltre il 70% delle persone che vivono in povertà sono donne.
Percepiscono solo il 10% del reddito globale ma rappresentano due terzi della forza lavoro del mondo.
Producono fino all'80% del cibo ma posseggono solo l'1% della terra.
Costituiscono i tre quarti della popolazione mondiale analfabeta.
Ma nonostante queste schiaccianti avversità, le donne sono spesso le più attive protagoniste del cambiamento sociale all'interno delle proprie comunità e s'impegnano senza sosta per migliorare le proprie condizioni di vita e quelle dei loro familiari.
Le donne sono alla guida dei più popolari e incisivi movimenti per i diritti umani del mondo.
Questo impegno in prima linea provoca spesso la dura reazione dei governi.
"Quando avevo 20 anni mi hanno rapita e fatta sparire.
Poi, nel 2005, mi hanno torturata in mezzo alla strada, spaccandomi tre costole.
Poi mi hanno processata e condannata, per false accuse, a sette mesi di carcere" - racconta Aminatou Haidar, attivista per i diritti umani dei saharawi.
"L'occupazione marocchina sta cercando di prosciugare la nostra cultura.
Per una donna sahrawi, è difficile difendere i nostri valori in casa e contemporaneamente essere attivista lontano da casa.
I nostri figli hanno sempre paura di perderci.
Crescono vedendo coi loro occhi l'oppressione della polizia.
Immagina un bambino che, invece di disegnare un giocattolo, vede un poliziotto con pistola e manganello picchiare un'altra persona...".
Firma l'Azione Urgente affinché Aminatou possa far rientro nel Sahara occidentale: http://www.amnesty.it/attivista_sahrawi.html http://www.amnesty.it/flex/cm/pages/ServeAttachment.php/L/IT/D/D.ff11622c88600349bd03/P/BLOB%3AID%3D2849 Leggi il rapporto "La trappola del genere": GRAZIE

Leggi tutto l'articolo