Maltempo, Coldiretti lancia l'allarme. Negli ultimi dieci anni danni per 14 miliardi di euro tra alluvioni e siccità

(Teleborsa) - Il brusco arrivo del freddo mette in pericolo gli alberi da frutto con i mandorli già in fiore e le gemme di albicocchi e peschi in fase di apertura che rischiano ora di essere compromesse dalle basse temperature.
E' quanto afferma la Coldiretti in riferimento all'arrivo del maltempo dopo un mese di gennaio caldo con temperature massime di 3,3 gradi superiori alla media storica.
A preoccupare con temperature sotto lo zero sono i danni alle coltivazioni invernali in campo.
Positivo invece per l'agricoltura l'arrivo della pioggia dopo che il 2018 si è aperto con circa un terzo di precipitazioni in meno (-29%) rispetto alla media storica con crolli del 50% nel centro Italia e del 45% nel Mezzogiorno anche se al Nord si è verificato un aumento del 5% per le abbondanti nevicate, secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Ucea a gennaio.
L'andamento schizofrenico dell’inizio dell'anno conferma i cambiamenti climatici in atto che si stanno manifestando in Italia con ripetuti sfasamenti stagionali ed eventi estremi con pesanti effetti sull'agricoltura italiana che negli ultimi dieci anni ha subito danni per 14 miliardi di euro tra alluvioni e siccità.

Leggi tutto l'articolo