Mamma: festa più bella non c'è

La festa della mamma è celebrata in onore della figura di madre, della maternità e dell'influenza sociale delle madri.
Partì tutto da una mamma e da una figlia (Ann Jarvis e sua figlia Anna) che la proposero negli Stati Uniti nel 1868, tanto che venne scelto come giorno da dedicare alle mamme l'anniversario della morte di Ann: il 9 maggio.
Nel 1914 venne ufficializzata e la figlia Anna per molti anni lottò contro lo sfruttamento commerciale della festa che riteneva contraddire lo spirito iniziale dell'idea di sua madre.
In Italia la prima giornata nazionale della madre e del fanciullo fu celebrata il 24 dicembre 1933, nel quadro della politica della famiglia del governo fascista per premiare le madri più prolifiche d'Italia.
La festa in Italia, così come oggi avviene, è nata in due diverse occasioni: una legata a motivi di promozione commerciale e l'altra a motivi religiosi.
La prima risale al 1956, quando Raul Zaccari, sindaco di Bordighera, prese l'iniziativa di celebrare la festa della mamma in quel paese la seconda domenica di maggio.
La seconda risale all'anno successivo e ne fu protagonista don Otello Migliosi, parroco di Tordibetto di Assisi, il 12 maggio 1957, che ebbe l'idea di celebrare la mamma non nella veste sociale o biologica, ma nel valore religioso, cristiano e interconfessionale, come momento di incontro e dialogo tra le varie culture.
Il 18 dicembre 1958 Raul Zaccari, assieme ad altri senatori, presentò un disegno di legge tendente ad ottenere l'istituzione della festa della mamma che, approvata qualche anno dopo, venne celebrata la seconda domenica di maggio, come a tutt'oggi.
Agurje a tuttekuande i mamme Ka u jurne de fèste addedekate a vuje mamme sìje sckitte u jurne d'i jurne, pekkè ògnè jurne éje kambà è nne nge stace kambà sènza mamme.
Agurje è mamme sèmbe allèreghe è dde sòle chjéne è ppure a kuèlle citte citte è k'i cerèbbre ngrespate; a kuèlle k'avvecine ce stanne è a kuèlle ka ce hanne lassate; a kuèlle 'mmanengunute, a kuèlle de prjèzze chjéne, a kuèlle mbegnate, a kuèlle ka pe nu ninde u kòre vatte, a kuèlle k'i mòmmabbìje, a kuèlle ndèrrachjane, a kuèlle traskurate, a kuèlle kurate è a kuèlle k'i celizzje ka sciarrjèjene, pènene è nze lassene maje jì pekkè tènene sèmbe nu mutive decchjù p'u male vènge.
A kuèlle sóle ka, nunustande u 'bbannune, 'a ndefrènze, 'a vjulènze, annande vanne p'u rasuline d'u kambà p'i figghje lóre; è mamme aduttive ka sanne amà è addemòstrene k'a rerute de nu figghje uneke éje è nenn'hanne [...]

Leggi tutto l'articolo