Manfredonia: quei veleni dimenticati da 40 anni, la lotta delle donne e un libro che ne ripercorre la storia

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer
per la ricostruzione del P.C.I.

Tutti ricordano il disastro di Seveso, quando il 10 luglio 1976 dall'azienda chimica Icmesa fuoriuscì una nube di diossina che contaminò la Brianza. Un disastro ambientale di tali dimensioni da proiettare all'attenzione pubblica la necessità di una legislazione specifica, da cui la legge "Seveso", che non ci ha comunque messo al riparo dalla protervia del capitalismo che espone coscientemente i lavoratori e le popolazioni ai rischi di produzione pericolose.
Il dibattito sulla necessità del controllo operaio sulla produzione si è fermato grosso modo in quegli anni, purtroppo, così come è finito nel dimenticatoio anche un altro disastro ambientale di carattere industriale: quello di Manfredonia, in Puglia, successo solo due mesi dopo quello di Seveso.
Dal petrolchimico dell'Enichem si riversarono nel paese diverse tonnellate di arsenico. A differenza di Seveso i riflettori non si accesero su Manfredonia con altret...

Leggi tutto l'articolo