Mangerei pizza tutti i giorni!

Oggi ho preparato la pizza...
certo non è uguale a quella della pizzeria, ma ha comunque alcuni vantaggi: è più economica e più leggera (visto che nell'ultimo periodo mi è capitato spesso di mangiare pizze piuttosto unte!)! Il risultato di oggi è stato piuttosto soddisfacente: crosta croccante ma con interno soffice.
Dai primi tentativi ho apportato ogni volta piccole modifiche ispirandomi alle ricette e ai consigli letti qua e là...
insomma è una ricetta in costante evoluzione! Ingredienti: 200 g di farina manitoba 200 g di farina 00 250 ml di acqua (circa) 10 g di lievito di birra fresco 1 cucchiaio di olio 1 cucchiaino abbondante di sale   Procedimento: Ho impastato utilizzando la macchina del pane ma si può fare anche a mano.
Ho messo nell'impastatrice acqua, farina e lievito e ho avviato il programma per preparare impasti lievitati.
Dopo 20 minuti ho aggiunto il sale e l'olio (e poca farina per amalgamare meglio).
Dopo un'oretta in tutto ho tirato fuori l'impasto, l'ho diviso in due parti alle quali ho dato la classica forma a palla e le ho sistemate in due contenitori chiusi che ho messo in frigorifero.
Dopo 5 ore ho preso fuori dal frigo i due impasti e ho preparato gli ingredienti per condire la pizza e qui cambiano a seconda dei gusti.
Io ho scelto di preparare il pomodoro mescolando la passata con un goccio di olio, un pizzico di sale e l'origano e poi ho aggiunto qualche cappero.
Ho preparato dei pezzetti di mozzarella di bufala e dei pomodori datterini tagliati sottili.
In una delle due pizze ho messo anche le melanzane.
A questo punto ho acceso il forno a 225° (ma la prossima volta proverò 250) e ho scelto l'opzione ventilato così le ho potute cuocere contemporaneamente.
Ho infarinato il piano, mi sono infarinata bene le mani e ho iniziato a stendere l'impasto con le mani.
Una volta steso, l'ho sistemato sulla teglia e ho iniziato a condire.  La mozzarella l'ho aggiunta solamente a fine cottura.
Ho sistemato le due pizze nel forno in ripiani differenti.
Per cuocersi ci hanno impiegato una decina di minuti.
 

Leggi tutto l'articolo