Mannaggia!

Amo il mio lavoro, mi permette di viaggiare in Italia, in Europa e nel mondo , di non avere orari (e non sempre è un bene), di conoscere persone, di essere autonomo e spesso solo con i miei pensieri.
Lascio casa il lunedì e difficilmente torno prima del venerdì, poi lavatrici, stendino, stiro e sono pronto a ripartire, non faccio il camionista, ma ogni anno chiudo con circa 100.00 Km all'attivo.
Da qualche anno però sentivo la necessità di avere un aiuto, non riuscivo più a fare i lavori bene come avrei voluto, ma soprattutto ero stressato, la pressione era andata alle stelle .
Finalmente a Luglio di quest'anno l'azienda ha assunto un collega che è apparso subito entusiasta di questo lavoro.
"Voglio andare, voglio fare", mi diceva ed io gli ho promesso che avrebbe potuto andare e fare finchè avrebbe voluto, ma prima un po' di affiancamento.
Abbiamo lavorato un po' insieme, l'ho portato con me a conoscere i clienti, ma soprattutto a vedere il mio metodo di lavoro che, da buon capricorno, richiede precisione ed affidabilità.
Paladino del concetto per cui l'esempio vale più della grammatica, gli ho mostrato che è importante tenere pulito ed ordinato il sito in cui si lavora, ma soprattutto che ogni cosa deve essere fatta con metodo.
"Si, certamente, è anche il mio modo" Bene! Questa settimana era previsto un lavoro di quasi routine da un cliente, uno di quelli molto esigenti.
Ci troviamo insieme il lunedì mattina a Modena ed iniziamo a lavorare, quando mi arriva una chiamata dalla Fiat di Torino.
Il giorno dopo devo essere là.
"Guarda", gli dico, "Finiamo di smontare e facciamo la manutenzione, poi si tratterà solo di rimontare i pezzi nell'ordine segnato" "Si si, va bene, stai tranquillo" "Devi anche cambiare la valvola di destra a quella macchina e le sei valvoline sotto" "Si, si va bene, stai tranquillo" Era un lavoro che richiedeva non più di quattro-cinque ore.
Me ne vado a Torino, faccio i miei lavori, mi arriva la prima telefonata.
"Sai qeul raccordo bianco che c'è sulla valvola..." "Si", "Si è rotto" Rotto? Come si è rotto? Va bene.
gli dico di prenderne uno da una valvola che non lavora...
Da quel momento è iniziato il mio calvario decine di telefonate, centinaia di WhatsApp, alla fine sono le 9 di martedì sera, ed io sono già a Verona per tenere un corso di tre giorni ad un cliente e stremato gli dico che la mattina dopo sarò li.
Mercoledì mattina faccio Verona Modena ad ore antelucane e scopro che a) Ha fatto scoppiare l'alimentatore di un PC b) Ha scollegato dei cavi, ma non li ha segnati ed [...]

Leggi tutto l'articolo