Manuel Bortuzzo: «Mi hanno urlato figlio di..., poi lo sparo»

«Ho sentito un motorino arrivare, urlavano verso di me e la mia ragazza. Mi hanno detto: 'figlio di...' e poi mi hanno sparato. Mi hanno urlato contro come se ce l'avessero con me. Dopo lo sparo sono rimasto stupito, mi sono chiesto: ma cosa è successo?». Così Manuel Bortuzzo, il 19enne ferito da un colpo di pistola alcune settimane fa alla periferia sud di Roma, intervistato da Bruno Vespa al Tg1.

Intanto, due settimane dopo il suo ferimento, ieri Bortuzzo ha lasciato l'ospedale San Camillo ed è stato trasferito alla Fondazione Santa Lucia, sempre a Roma, nel centro specializzato nella neuroriabilitazione. Bortuzzo ha vuto il midollo lesionato da un colpo di pistola sparato alla periferia sud di Roma mentre era fuori da un pub dove stava trascorrendo la serata con gli amici e la fidanzata. «Sono appena arrivato - ha detto sorridente dal suo letto - nel mio nuovo campo di combattimento» perché la scommessa della promessa del nuoto italiano ora è sovvertire quel drammatico verdetto em...

Leggi tutto l'articolo