Maratona di Roma : vince Gena a piedi nudi. Guarda le classifiche.

A piedi nudi, cinquant’anni dopo.
Come Abebe Bikila sul traguardo dell’Arco di Costantino alle Olimpiadi di Roma 1960.
Il 25enne etiope Siraj Gena (2h08'39") ha trionfato oggi nella 16^ edizione della Maratona di Roma, dedicata alla memoria del mitico campione passato alla storia per aver vinto un titolo olimpico senza scarpe.
Dopo il 30° km Gena è andato in fuga insieme al keniano Benson Barus, il grande favorito della corsa, e lo ha staccato al 37° km.
Il suo tempo, che migliora di oltre 2’ il suo primato, è l’ottavo di sempre nella storia della Maratona di Roma.
Terzo il keniano Nixon Machichim in 2h09’08”.
Buoni i tempi di Bourifa e Meucci: tra gli azzurri, il 41enne Migidio Bourifa è sempre rimasto con il secondo gruppo e ha chiuso al 7° posto in 2h12’34”, miglior prestazione italiana dell’anno.
L’attesissimo esordiente Daniele Meucci ha invece un po’ faticato nel finale, ma è riuscito a concludere la gara all’11° posto in 2h13’49”.
Tra le donne l’Etiopia ha fatto addirittura tripletta, al termine di un finale entusiasmante.
Sul traguardo di via dei Fori Imperiali si è imposta l’etiope Firehiwot Dado Tufa, che ha replicato il successo dello scorso anno, con il tempo di 2h25’28”.
Subito dietro le connazionali Kebebush Haile (2h25’31”) e Mare Dibaba (2h25’38”), che era all’esordio sulla distanza.
  «Adesso le paralimpiadi di Londra del 2012 non sono solo un sogno, ma diventano un obiettivo possibile».
È raggiante Alex Zanardi, vincitore sulla sua handbike (costruita in casa ndr) della maratona di Roma riservata ad atleti disabili col tempo di 1h15'53", nuovo record del percorso.
Zanardi ha dedicato la vittoria a Franco Ballerini recentemente scomparso:«I sanpietrini sul meraviglioso percorso di Roma - ha aggiunto dopo aver abbracciato il figlio Nicolò all'arrivo - mi hanno subito fatto pensare alle imprese di Ballerini alla Parigi-Roubaix.
Il mio primo pensiero è per lui, questo successo lo voglio dedicare a Franco, un grande atleta e un amico».
La settimana scorsa Zanardi aveva perso la maratona di Treviso per un erronea segnalazione stradale che lo aveva indotto all'errore facendolo finire per terra.
«Stavolta è andato tutto bene - ha ammesso - non volevo farmi prendere di nuovo in giro da mio figlio.
Speravo di fare un tempo ancora migliore (il suo personale è di 1h07'47"), ma sono davvero contento per la vittoria.
Adesso continuerò a darci dentro perchè il tempo scorre e io non voglio perdere un attimo».
CLASSIFICA MASCHILE:1.
Siraj Gena (ETH) [...]

Leggi tutto l'articolo