Margaret Thatcher, quella dei derivati in Europa, è morta.

La baronessa della guerra per il petrolio nelle Falkland, la dama di ferro della pseudo "grandeur" britannica, è morta.
I media la stanno celebrando come la campionessa del liberismo britannico ed Occidentale.
La politica - specie economica - della "lady di ferro" invero ripropose in Inghilterra ed in Europa la politica di Ronald Reagan, cui per altro si associò e diede man forte.
Si trattava di una politica che usciva dallo "Glass Steagall Act" imposto proprio negli USA all'indomani della grande crisi del famigerato venerdì nero di Wall Street, a garanzia dei risparmiatori e degli investitori.
Esso imponeva la trasparenza delle transazioni bancarie ed impediva alle banche di risparmio - cui fondi erano dei risparmiatori - di agire con speculazioni azzardate.
Le "reaganomics" portarono alla abolizione della distinzione tra banche tradizionali e banche di investimento speculativo, come anche a quella della trasparenza delle transazioni bancarie.
L'esito furono i cosìddetti "Derivati", causa primaria della crisi economica mondiale che si protrae encora oggi.
Per i soli USA i derivati hanno raggiunto la cifra di oltre 750.000 Miliardi di $ a fronte di un PIL di 70.000 Mld di $.
La Thatcher ha sostanzialmente portato in Europa le normative della "reaganomics".
Ciononostante alla "figlia del droghiere", una delle maggiori responsabili della gravissima crisi in cui ancora ci troviamo, è stato tributato il titolo di "Barone" e saranno tributati funerali di dimensioni analoghe a quello di LadY Diana, un personaggio di ben altro spessore.
E' il segno della decadenza dei ns tempi.
francesco latteri scholten.

Leggi tutto l'articolo