Marina Montesano, Sguardi incrociati sulla stregoneria

MARINA MONTESANOSguardi incrociati sulla stregoneria in EuropaDal Mulino il saggio «Le streghe» di Wolfgang Berhinger, sintesi storico-antropologica di fenomeni analizzati nel libro «Inquisition et sorcellerie en Suisse Romande»MARINA MONTESANOda Il manifesto del 04 Giugno 2008Il 20 maggio, in Kenya, undici persone accusate di stregoneria sono state linciate e poi bruciate.
Nonostante la notizia abbia fatto scalpore, è difficile dirne qualcosa di preciso perché le informazioni filtrano con parsimonia.
In passato comunque la zona era stata teatro di episodi analoghi: nel '92 vi fu una «caccia alle streghe», che declinò nel '94.
In tutti i casi, incluso l'ultimo, la folla degli aggressori era composta di giovani, le vittime erano per lo più anziani; almeno una delle donne uccise in maggio era moglie di un pastore protestante.
Si può ipotizzare che i rapporti intergenerazionali e interreligiosi siano chiamati in causa? I disordini politico-tribali che hanno di recente attraversato il paese portandolo alla guerra civile, hanno trovato un ultimo sfogo nel linciaggio? O forse la crisi internazionale dei prezzi dei generi alimentari, che in Kenya si era manifestata già negli scorsi anni, può avere giocato un ruolo? Di solito l'accusa di stregoneria scatta allorché si manifestano morti improvvise, soprattutto di bambini, e quando i rapporti intercomunitari si deteriorano.
Lo dimostrano molti studi sulla stregoneria europea e extraeuropea, ed è interessante notare come la percezione tipica degli occidentali abbia influenzato la ricezione delle notizie dal Kenya: tre delle vittime sono uomini, ma si è per lo più parlato di undici donne; e il linciaggio, al quale è seguito l'incendio delle case delle vittime, con i cadaveri all'interno, si è trasformato in una condanna al rogo («undici streghe bruciate vive»), perché tale è il nostro immaginario legato a questo tema.
Utile dunque giunge la traduzione italiana della sintesi di Wolfgang Berhinger (Le streghe, il Mulino, pp.
132, euro 11), che parte da una trattazione storico-antropologica in rapporto alla stregoneria come fenomeno generalizzato, per arrivare a una trattazione della caccia alle streghe europea d'età moderna.Molte società conoscono forme assimilabili al concetto europeo di stregoneria, legate a pratiche di guarigione ma anche di maleficio: è insita nel concetto di magia, infatti, una buona dose di ambiguità: coloro che sono in grado di utilizzare mezzi magici per compiere il bene (curare, ritrovare oggetti rubati e così via), sono anche capaci [...]

Leggi tutto l'articolo