Marinella Sestu con "POESIA" vince il 2° Premio al Sesto Concorso letterario "Melodie nell'Anima" di Uta

QUELLA POESIA CHE IN SARDO DIVENTA MUSICA.
di Francesco Casula Non v’è nella nostra Isola paese – per quanto minuscolo esso sia – che non organizzi annualmente un Premio Letterario in Lingua sarda, sia in prosa (con Contos) ma in specie in poesia (con Cantos).
E non a caso.
Il Sardo, la nostra lingua materna, è  infatti soprattutto senso, suoni, musica.
Lingua di vocali.
Dunque corporale e fisica e insieme aerea, leggera e impalpabile.
E le vocali sono per il poeta l’anima della lingua, sono il nesso fra la lingua e il canto; fra la poesia, i numeri della musica, il ritmo e il ballo.
Tanto che, storicamente in Sardegna, i confini fra poesia e musica e danza, sono sempre stati labili e sfumati.
Ad organizzare i Premi sono le Pro Loco, Gruppi culturali, Associazioni, talvolta esclusivamente al femminile: come la Consulta delle Donne di Uta ( composta da ben 60 componenti), che proprio sabato scorso ha  celebrato il sesto Concorso letterario “Melodie nell’Anima”.
A vincere i primi tre premi – per la sezione in Sardo – sono state ancora tre donne.
Prima è arrivata Rosanna Podda, seconda Marinella Sestu che due anni fa aveva vinto il 1° premio.
La Sestu, oltre che deliziosa poetessa bilingue pluripremiata, è fondatrice e Presidente dell’Associazione culturale “Logos” di Iglesias che da 14 anni organizza il Premio nazionale Città di Iglesias.
Ma ecco la poesia con cui a Uta sabato 9 giugno ha ottenuto il 2° posto:“S’aria dengosa/ndi furat s’anima/a s’accabu de sa dì/mentris su bentu/spraxendi froccus de zuccuru arrubiastu/sfilacciat/pensamentus atonginus accòrraus./Unu pei accapiau a s’atru/no portat mai aundi si ‘ollit andai./E diaici atturas inguni/a duus passus de mei/chi no nt’intendu,/surda a totus is fueddus/chi intregas a is froris/a is carizias de s’acua/a is giogus pipius/a is cantus chi prenint donnia giminera/a is iscarrafius chi scurriant/orus de su coru./Ma bastat una spera/a ti scoviai/in d’unu bistiri sempri differenti…/Insaras ti scadenas/in d’unu valzer/in d’unu rock’n’roll o in d’unu reggae,/t’imboddias e ti furrias/sempri de prus speddiosa/a pizzus de unu follu ammasedàu./E baddas cun gana bella/e ti fais bella/azzizzendi a mei chi abarru allolloinada/pustis ti chietas  mentris  muda abettas/chi lompat unu arrisu a t’imbolai”.
La fanciulla dall’aria dengosa è metafora della poesia: non importa se classica o moderna, purché sia capace di scuotere l’animo umano.
Pubblicato su SARDEGNA Quotidiano del 12-6-2012

Leggi tutto l'articolo